Champagne Extra Brut Première Cuvée

VITIGNO:
45% Pinot Noir 33% Chardonnay e 22% Pinot Meunier
DENOMINAZIONE:
Champagne AOC
ALCOL: 12 %
FORMATO: 0.75 lt

Dal colore giallo paglierino brillante con riflessi dorati, perlage molto fine ed estremamente vivo. Al naso è fresco e fruttato, all'inizio dominano gli aromi di agrumi, limone verde e pompelmo, poi compaiono i frutti rossi, amarena, ribes e lampone. Al palato si avverte la mineralità del gesso, rilascia subito sapori di agrumi, mandorla e pane biscottato, ma anche di gelatina di ribes e ciliegia. Uno champagne molto elegante, complesso ed equilibrato. Affinamento sui lieviti per 36 mesi e almeno 5 mesi in bottiglia.

 

CANTINA:
Bruno Paillard
SCOPRI DI PIÙ +

La Maison di Champagne Bruno Paillard nasce dal desiderio di un uomo di creare uno champagne puro, molto diverso dagli altri. Bruno Paillard, discendente da una famiglia di mediatori e vigneron, in Champagne da più di tre secoli, crea nel 1981 la propria Maison. La sua esigenza: ottenere la quintessenza di ogni grande cru della Champagne per poi creare con l'assemblaggio un grande vino. Questo lavoro quotidiano si poggia sul lavoro di un vigneto di 34,2 ettari, che diviso su 17 cru, oggi fornisce più della metà del fabbisogno di uva della Maison. Ognuna delle 106 parcelle viene lavorata dal suolo con trattamenti organici in modo da favorire la biodiversità e lo sviluppo profondo delle radici. Questo permette di estrarre la tipicità gessosa straordinaria dei territori. Solo la prima spremitura dell'uva migliore è usata per essere vinificata. In cantina poi la permanenza sui lieviti è lunga, da due a cinque volte superiore rispetto alla media, in funzione della tipologia della cuvée.

Prezzo di listino
€53,00
Prezzo scontato
€53,00
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 

Bruno Paillard
+

La Maison di Champagne Bruno Paillard nasce dal desiderio di un uomo di creare uno champagne puro, molto diverso dagli altri. Bruno Paillard, discendente da una famiglia di mediatori e vigneron, in Champagne da più di tre secoli, crea nel 1981 la propria Maison. La sua esigenza: ottenere la quintessenza di ogni grande cru della Champagne per poi creare con l'assemblaggio un grande vino. Questo lavoro quotidiano si poggia sul lavoro di un vigneto di 34,2 ettari, che diviso su 17 cru, oggi fornisce più della metà del fabbisogno di uva della Maison. Ognuna delle 106 parcelle viene lavorata dal suolo con trattamenti organici in modo da favorire la biodiversità e lo sviluppo profondo delle radici. Questo permette di estrarre la tipicità gessosa straordinaria dei territori. Solo la prima spremitura dell'uva migliore è usata per essere vinificata. In cantina poi la permanenza sui lieviti è lunga, da due a cinque volte superiore rispetto alla media, in funzione della tipologia della cuvée.