Box CRU Chablis Christophe Patrice

DENOMINAZIONE:
Chablis AOC
ANNATA: 2022
ALCOL: 12.5 %
FORMATO: 0.75 lt

- 3 Petit Chablis 2022

- 3 Chablis 2022

CANTINA:
Christophe Patrice
SCOPRI DI PIÙ +

Originario di Beine, da generazioni, Christophe Patrice lavora nella tenuta di famiglia con il padre e gli zii dal 1996. Spirito di libertà, nel 2006, avvia da solo su un vigneto di 5 ettari. Nel 2011 rileva la tenuta Daniel Roblot, che oggi rappresenta un vigneto con una superficie di 22 ettari, con un'età media di 45 anni. L'azienda coltiva vigneti nei comuni di Beine, Courgis e Chablis . Si propone Petit Chablis, Chablis e Chablis premier cru Beauregards, Montmains e Beauroy, in seguito all'ampliamento della tenuta, desidera sviluppare le vendite in bottiglia verso clienti privati ​​e professionali così come l'esportazione. Contrariamente a quanto praticato dalla grande maggioranza dei viticoltori di Chablis , le viti sono piantate a bassa densità ad una resa di 5.800 ceppi per ettaro. Si privilegia la qualità rispetto alla quantità e per questo in vigna si pratica la potatura a Guyot singolo invece che a Guyot doppio. I prodotti fitosanitari vengono utilizzati solo quando necessario e la concimazione è ragionevole a seconda degli appezzamenti. Si può ritenere che il metodo di coltivazione della vite si inserisca perfettamente nel quadro della coltivazione sostenibile. Chablis utilizza esclusivamente il vitigno Chardonnay, le viti crescono su terreni calcarei e ricchi di fossili.

Prezzo di listino
€115,00
Prezzo scontato
€115,00
Prezzo di listino
€144,00
Esaurito
Prezzo unitario
per 

Christophe Patrice
+

Originario di Beine, da generazioni, Christophe Patrice lavora nella tenuta di famiglia con il padre e gli zii dal 1996. Spirito di libertà, nel 2006, avvia da solo su un vigneto di 5 ettari. Nel 2011 rileva la tenuta Daniel Roblot, che oggi rappresenta un vigneto con una superficie di 22 ettari, con un'età media di 45 anni. L'azienda coltiva vigneti nei comuni di Beine, Courgis e Chablis . Si propone Petit Chablis, Chablis e Chablis premier cru Beauregards, Montmains e Beauroy, in seguito all'ampliamento della tenuta, desidera sviluppare le vendite in bottiglia verso clienti privati ​​e professionali così come l'esportazione. Contrariamente a quanto praticato dalla grande maggioranza dei viticoltori di Chablis , le viti sono piantate a bassa densità ad una resa di 5.800 ceppi per ettaro. Si privilegia la qualità rispetto alla quantità e per questo in vigna si pratica la potatura a Guyot singolo invece che a Guyot doppio. I prodotti fitosanitari vengono utilizzati solo quando necessario e la concimazione è ragionevole a seconda degli appezzamenti. Si può ritenere che il metodo di coltivazione della vite si inserisca perfettamente nel quadro della coltivazione sostenibile. Chablis utilizza esclusivamente il vitigno Chardonnay, le viti crescono su terreni calcarei e ricchi di fossili.